> il gesto, n.4, milano , settembre 1959


giovanni anceschi, sandro bajni, nanni balestrini, leo paolazzi, paolo radaelli, luca, lucio del pezzo, giuseppe alfano, dino grieco, guido biasi, mario persico, sergio fergola, bruno di bello, angelo verga, ettore sordini, antonio recalcati, enrico baj, farfa


arte interplanetaria



è tempo di divulgare che ormai la forza di gravità opprime soltanto gli sciocchi, gli obesi e i pittori astratti; o concreti, come molti di loro amano definirsi denunciando concretamente la loro non astratta inettitudine all'arte.

la nostra fantasia approda alle piaghe vulcaniche e calcinate dei vari pianeti prima che vi giungano le puzzolenti fragorose carcasse metalliche, piene di corna e di sfere; che hanno ideato i tecnici e gli scienziati. ormai si rafforza la necessità creativa di celebrare le nuove conquiste interplanetarie, eterno mito che si ricollega al volo di icaro, alle ali di lino incatramato dei fratelli wright e alla misteriosa ridda delle radiazioni cosmiche.

né più la forza di gravità opprime le nostre menti col suo meschino ricatto terrestre, in quanto essa è stata vinta dall'arte nucleare, supercarburante atomico, lievito intellettuale per i nostri viaggi interplanetari.

con la sua turbinosa ma pacifica esplosione l'arte nucleare denunciò, in sede estetica, l'immanente pericolo di distruzione totale, e insieme affermò che delle scoperte atomiche e nucleari non esiste soltanto il problema di fabbricazione della bomba più micidiale di quella dell'avversario, ma una infinita molteplicità d'aspetti, dall'impiego pacifico di tali scoperte alle conoscenze estetiche che ne derivano. tutti coloro che negano la possibilità di sollecitazioni d'arte legate a intuizioni e a scoperte nucleari sono quegli stessi, obesi intellettualmente oltre che fisicamente, che vogliono limitarne l'uso alla catastrofica distruzione dell'umanità.

i filosofi ammoniscono i governi che il mondo sta per saltare in aria, che sta per scoppiare come un enorme pomodoro in fermentazione. e mentre l'apocalisse da anni ormai e sempre più ci sta sopra coi suoi segni mostruosi, con le sue trombe abbrunate, gli avversari, gli intellettuali dell'obesità e della masturbazione, i sacerdoti dell'autolesionismo, continuano a trattarci da mentecatti e da superficiali.

a costoro premevano non tanto i puri valori cromatici e tonali, i bei grigi e gialli sofferti, la delinquenza intima, il logorio nervoso, l'inversione, l'evasione, la tetra masturbazione gabellata per autonomia di pensiero. da parte loro, gli avversari dei nostri avversari, e pertanto i nostri avversari al cubo, proclamavano la plateale necessità di grandi cartelloni propagandistici, agricoli o metallurgici, unicamente al servizio d'una fazione politica.

pochi anni sono passati ma ormai ci è chiaro che gli uni e gli altri hanno soltanto collaborato alla folle ideologia suicida della più micidiale distruzione.

quando il mondo seppe dei primi lanci interplanetari, per un attimo, con sollievo, abbiamo sperato che l'attenzione dei governi si spostasse dallo studio della bomba nucleare più grossa a quello del razzo propulsore più potente, che i diabolici piani della distruzione terrestre cedessero a quelli delle navigazioni stellari e delle conquiste interplanetarie. altre delusioni già sopravvengono, ma ciò nonostante una nuova speranza guida ora la nostra sensibilità verso il carattere interplanetario delle ricerche artistiche.

i voli ultraterrestri, i globi extraterrestri non riguardano soltanto la scienza, ma prima di tutto la civiltà, il mito, l'arte. similmente il mito, la poesia e il mistero dell'atomo, l'indagine sulla struttura minima della materia interessarono il poeta lucrezio prima dei barbuti e obesi sofi d'alessandria.

alle nostre opere non chiedete troppo, ma molto: esse recano il nostro desiderio appassionato e innovatore, contro lo sterile e imputridito astrattismo, di partecipare alla conoscenza umana nei suoi ultimi aspetti, di sollevarci dalla nostra terra tiranna superandone la convenzionale e ormai abrogata legge di gravità; a costo che i nostri pennelli e i nostri colori sfuggano al controllo umano e che le nostre parole e i nostri caratteri galleggino a mezz'aria, ribelli alla tela e alla carta, come i vapori di sodio e i cristalli di litio in sospensione nelle dense atmosfere di marte, nei rosati oceani di venere, nei fuligginosi abissi di nettuno, negli anelli arcobalenici di saturno.


dal pianeta terra, gennaio 1959

schegge
indexschegge.html
progettoprogetto.html
noinoi.html
numerinumeri.html
segnalazionisegnalazioni.html
dilatazionidilatazioni.html
glossarioglossario.html
rilevazionirilevazioni.html
note bioautori.html
ideeidee.html
traduzionitraduzioni.html
sdef pssdef_ps.html
narrazioninarrazioni.html
showsshows.html
scheggeschegge.html
one photoone_photo.html
arte & emergenzaarte_%26_emergenza.html
galleriagalleria.html
videoscheggevideoschegge.html
contatti/linkscontatti.html
variavaria.html